Io sono israeliano come Tsilli Goldenberg

Io vi accuso!
di Tsilli Goldenberg, cittadina israeliana
lunedì 24 luglio 2006


«Io, Tsilli Goldenberg, cittadina israeliana, vi accuso - Ehud Olmert, primo ministro di Israele, Amir Peretz, ministro della Difesa, Dan Halutz capo di Stato Maggiore dell'esercito israeliano - di commettere questo bestiale e barbaro macello in Libano.

Io vi accuso di commettere crimini contro l'umanità verso il popolo palestinese. Io vi accuso di abbandonare i nostri soldati, quando le loro vite potrebbero essere salvate mediante negoziati, e io vi accuso di aver iniziato una guerra ingiustificata in mio nome.

Haniya, primo ministro del popolo palestinese, voleva negoziare con noi non solo il rilascio del soldato Gilaad Shalit, ma anche un cessate il fuoco a lungo termine, che avrebbe concesso al popolo di Israele e della Palestina sicurezza e salute mentale. Voi avete rifiutato.

Nasrallah voleva negoziare il rilascio dei soldati rapiti al nord. Voi avete rifiutato.
Invece avete messo in pericolo le vite di centinaia di migliaia di israeliani, avete causato la morte di 27 israeliani [fino ad ora], civili e soldati.

Voi avete causato l'uccisione in massa di più di 350 libanesi, molti dei quali bambini, avete causato 500.000 profughi libanesi, e continuate a uccidere e ad affamare bambini palestinesi, solo perché essi vivono nella loro terra.

I palestinesi non sono i miei nemici, e neppure i libanesi.
Voi siete diventati il mio nemico.
E vi combatterò e altrettanto faranno molte altre persone sane di mente in tutto il mondo».

Tsilli Goldenberg,
Masarik 11,
Jerusalem 93106 Israel


Lettera aperta spedita e pubblicata da molti quotidiani nel mondo.

Commenti

Anonimo ha detto…
Esistono due pesi e due misure nella ipocrita politica internazionale degli USA.
Fondamentalmente io sono un sostenitore di Israele, ma questa volta sono nel torto piu' marcio.
E gli USA? Silenzio!
Se questi attacchi li avesse portati avanti l'Iran cosa sarebbe successo?
Inoltre portando la guerra in Libano, Israele ha fatto un autogoal clamoroso. Il Libano era riuscito a liberarsi dal giogo Siriano e stava percorrendo la strada verso la democrazia.
Prevedere cosa succedera' ora e' molto facile.