Il mondo scorre

Non c'è peggior peste che la miopia. Credere di essere al centro del mondo, quando invece si è un granellino di povere del deserto.
Avere conosciuto una realtà come quella di cui parlo mnel precedente post, interagire con il suo ideatore, collaborare operativamente, mi fa dire ai tanti giovani che imperversano sul web, sui media che voi siete VECCHI!
VECCHI nelle parole che dite!
VECCHI nelle rivendicazioni che fate!
VECCHI nelle logiche che rappresentate!
Il mondo va avanti a velocità folli e i giovani della Calabria sono fuori....non conoscono l' inglese, non sanno ragionare in termini cosmopoliti, si perdono in pettegolezzi e ripicchi (NOI SIAMO QUI...NOI SIAMO LI...VOI NON SIETE NIENTE DI FRONTE AD UN MONDO CHE E' DECENNI AVANTI RISPETTO AL LUOGO IN CUI VIVETE!) si chiudono nelle loro menti, come una volta i loro avi nelle loro valli.
Se non si ha l' umiltà di mettersi in gioco, imparare regole nuove, rivedere le proprie certezze, non si ha futuro.
In Calabria esiste una cosa che il resto del mondo non ha:il prodotto tipico di qialità, ma se non si sa farlo conoscere e , sopratutto, non si pensa che li possa essere il futuro è meglio chiudere baracca e burattini.
Ho parlato solo dei giovani della Calabria (fino ai 20/25 anni penso)...gli altri sono già andati..

Commenti