I Neoborbonici stanno diventando importanti

Appena tornato a Milano dopo il grande successo della celebrazione della Giornata della Vittoria a Nola, girando su qualche sito di notizie mi imbatto in un articolo singolare, sapientemente disinformativo, che però conferma come i Neoborbonici abbiano cominciato a dare seriamente fastidio ai poteri forti.

Non che non mi aspettassi attacchi sporchi da parte dei nostri nemici, che per calunniare noi utilizzano i nostri stessi argomenti contro di loro (riti "massonici", affari loschi, mafia), aggiungendo a questo ovviamente l'attacco esplicito alla Chiesa, da loro tanto odiata; me lo aspettavo, è vero, ma ora che lo leggo coi miei occhi, mi lascia un po' così...

Ovviamente, esprimo qui e con forza la mia piena solidarietà a Salvatore Lanza, consigliere nazionale del Movimento, persona eccellente e autentico patriota delle Due Sicilie, per gli assurdi attacchi subiti.
E si andrà avanti, più decisi che mai, con la verità delle nostre idee e con la forza che ci deriva dal nostro "essere immacolati".
Ma, si sa, in questo sporco mondo dove ci tocca vivere, e in particolare in un Paese bizzarro come questo nostro italo-risorgimentale (nella foto, Licio Gelli, uno dei Padri della Patria, assieme a Cavour, Mazzini e Garibaldi), l'essere "innocenti" e a posto con la propria coscienza non costituisce una buona ragione per sentirsi sicuri e non perseguitati dalla magistratura.

Commenti