14 febbraio, 2006

LE PAROLE

Un poeta della Locride, il quale ormai da anni si è ritirato in un eremo dal quale osserva le cose del mondo con distacco, mi ha regalato un gioiello di saggezza, pregandomi di farvelo leggere.

LE PAROLE

Le parole escono dalla bocca,...
ma qualche volta ci capita di sbagliare...
le parole sono sillabe, dettagli di ogni cosa...
a volte due ragazzi litigano tra loro per le parole...
può capitare...
I nostri giorni sono popolati da cristiani...
che predicano comizi..e parole...
Io mi chiamo........................ Antonio e quando parlo....
mi esce un volume basso, debbo alterare le parole...
noi altri padri parliamo tra di noi..
e ci osserviamo negli occhi...parlando....
scandendo le parole....sillaba per sillaba...
volume e voce bassa...
le parole le abbiamo tutte dentro di noi...
ci comportiamo nel modo possibile, a parole nuove...
e le parole escono dalla bocca di ogni uomo e di ogni donna....
e i bambini sono contenti tra bambini...
e gli uomini parlano tra uomini...
e le donne parlano tra donne....
e ho finito le parole...

Lo osservo mentre ripiega il foglio in quattro consegnadomelo.....
mi osserva...è il momento del commiato....
me ne vado.....
lasciandolo al suo silenzio....
ritornando al mondo del caos e del rumore.

Nessun commento: