05 giugno, 2006

ABBIAMO SCHERZATO! TORNIAMO A CASA!

Sarebbe questo lo slogan che userei se fossi uno dei tanti ragazzi che ha fatto il giro dei media sul finire dello scorso anno.
I recenti sviluppi della vicenda che li riguarda porta a concludere che è stato solo folclore con nessun sviluppo concreto.
Trasecolato ancora al resoconto della riunione del cosiddeto FOREVER del 2/01/2006. Io non potei andare, per fortuna col senno del poi, ma mi hanno descritto gente preoccupata di discutere di film, comparsate a sanremo, concerti, pulmann della polizia per andare a vedere un cantante, soldi da spendere.
Uno si aaspetta di vedere giovani senza macchia che hanno messo la faccia per sfidare le mafie, e , invece, si ritrova, a vedere semidivi intenti a sgomitare per un posto davanti alle telecamere.
Qualcuno per tempo faceva notare loro i pericoli di un certo modo di agire....
difatti gran parte della popolazione calabrese , la quale doveva essere la destinataria principale del loro messaggio, li considerava (quando andava bene) opportunisti.
Le cose calate dall' alto, giovani ricchi che vengono a parlare di difficoltà, appartenenti alla sfera fortunata della società che vanno a parlare di cose che non conoscono,non comprendono perchè, per loro fortuna, non conoscono il gusto acre del sacrificio, non conoscono la caduta e il sacrificio per risalire.
Gente che viene proiettata direttamente dal salotto di casa, davanti alle telecamere , senza passare dalla strada..come può pensare di far presa sulla gente che su quella strada vive?....
stirandosi i capelli???....
Una occasione persa!...
è necessario un movimento di lunghissima gittata che si proponga la crescita culturale della popolazione.
I media devono essere usati affinchè la gente vera parli dei suoi problemi, non sono di alcuna utilita "reality" con gente che non conosce la fame del bisogno, il ristoro del sacrificio.
Un solo grido si impone.
ABBIAMO SCHERZATO!
TORNIAMO A CASA!

Nessun commento: