21 agosto, 2006

Il concetto di software libero discende naturalmente da quello di libertà di scambio di idee e di informazioni. Negli ambienti scientifici, quest’ultimo principio è tenuto in alta considerazione per la fecondità che ha dimostrato; ad esso infatti è generalmente attribuita molta parte dell’eccezionale ed imprevedibile crescita del sapere negli ultimi tre secoli. Spesso, ma non sempre, il software libero è completamente gratuito e funziona meglio del software proprietario. Il semplice principio per il quale devono essere i sistemi operativi liberi ad adeguarsi all’utente e non l’utente ad adeguarsi al sistema mi piace da matti!



Purtroppo questa idea geniale non è stata compresa dai nostri dipendenti. Fatevi un giro per i comuni, le comunità montane, le province e le regioni.. tutti i pc avranno il “solitario” di windows aperto (almeno se si spendono i soldi per farli giocare, che giochino su una piattaforma open source, che costa meno)!



Ma il discorso peggiora nelle scuole! Spesso in calabria nelle scuole i computer non bastano.. io mi son fatto un calcolo. Per comprare 100pc di fascia bassa servono 75.000 €uro (schermo incluso), con quella cifra comprando pc con software e sistema operativo freeware se ne comprano 144!



E ‘ ora di svegliare i nostri dipendenti!

 

2 commenti:

PiccolaVolpe ha detto...

Grande!!!

SASO 4 PRESIDENT!!

Gaetano Filangieri ha detto...

Quoto in pieno