27 agosto, 2006

LA SINAGOGA DI BOVA MARINA

Conferenza tenuta a Bova Marina (RC) il 19 gennaio 1999
http://utenti.lycos.it/AugustoCosentino/Calabria.htm

Il problema della religione nella Calabria meridionale tardoantica si è imposto ai nostri occhi in questi ultimi anni con grande urgenza e, a leggere i dati in modo complessivo, con una grande varietà di sfaccettature. Il ritrovamento della sinagoga di Bova Marina è l’ultimo tassello di un quadro variegato e composito che comprende nella zona gran numero di culti e di varianti di culti che testimonia di una complessità altrimenti sconosciuta e finora pressoché ignorata dagli storici.

La sinagoga di Bova Marina è datata ai secoli IV-VI d.C. Si tratta di un periodo in cui è avvenuto forse uno spostamento dei gangli vitali ed economici della regione. Sembrerebbe che Scyle, che dovrebbe corrispondere al nostro centro bovese ubicato nella zona di San Pasquale, avrebbe avuto il sopravvento sui più antichi centri di Leucopetra e Decastadium (rispettivamente Lazzaro e Melito). Il quarto secolo sembra inoltre un’epoca cruciale per la storia degli Ebrei della zona, ma anche per quanto riguarda la cristianizzazione della Calabria. Nello stesso secolo abbiamo altre due testimonianze che, seppur di minor importanza monumentale rispetto alla sinagoga bovese, rappresentano pur sempre due segni coevi di presenze ebraiche nella zona: da un’area cimiteriale di Lazzaro abbiamo una lampada in terracotta con il simbolo evidentemente giudaico della menorah . Da Reggio proviene invece un frammento di iscrizione in greco , leggibile [Sunagwgh t]wn | Ioudai|wn . Sono queste le più antiche e sicure testimonianze della presenza di popolazioni giudaiche nella Calabria meridionale. Anche San Girolamo, nel suo epistolario, parla di "gente ebrea per nazione approdata su queste terre".
Alla stessa epoca appartengono pure i segni certi e incontrovertibili della presenza cristiana in queste zone. Sia le fonti storiche, sia quelle epigrafiche più antiche sono databili appunto a quest’epoca cruciale per quanto riguarda l’intera storia della cristianità con l’epocale svolta costantiniana.
Già testimonianza di cristianesimo appare il rescritto costantiniano del 21 ottobre 312-313. Inoltre nel VI Sinodo di Sardica, del 342 o 343, troviamo citati i vescovi delle Eparchie dei Bruzi.

Due documenti epigrafici cristiani fortunatamente datati e di indubbio carattere cristiano provengono da Taurianum (del 348) e da Locri (del 391). Altri sono databili per caratteristiche epigrafiche a questo secolo (uno da Taurianum della metà del IV; forse databile ancora al IV l’iscrizione conservata in un apografo cartaceo con la frase si deus pro nobis quis contra nos? tratta dall’epistola paolina Rom. VIII, 31).
Ancora al nostro IV secolo è attribuibile il primo impianto attorno al sepolcro venerato di San Fantino a Palmi.
Inoltre il Morisani nel suo Marmora Rhegina cita alcune catacombe che sarebbero emerse a Reggio, mentre il Frangipane cita un cubicolo funerario, ritrovato nei pressi dell’attuale Capo d’Armi, in cui sarebbe stato affrescato un paleocristiano Daniele tra i leoni.

Un altro elemento da notare riguardo alle culture ebraica e cristiana nella Calabria meridionale, è il loro legame con il mondo dell’Africa settentrionale. Alcuni studiosi notano la pertinenza dell’edificio sinagogale bovese con le coeve costruzioni di tale tipo della Palestina. La presenza degli Ebrei nella Calabria meridionale dovette essere in relazione con la felice posizione geografica nei confronti dell'Africa settentrionale . Anche se non è possibile affermare che essi detenessero il monopolio dei commerci con quelle terre, dovettero però senza dubbio avere una posizione di grande importanza in quei flussi economici. I segni dei legami con la cultura nord-africana sono numerosi. Probabilmente lungo quegli stessi canali commerciali, che facevano dei porti della Calabria dei punti di approdo intermedi sulla strada sud-nord in direzione di Roma, dovette viaggiare pure la cristianizzazione. La comunità ebraica di Roma, con sporadiche presenze già in età tardo repubblicana, ebbe un periodo fiorente durante l'impero di Augusto. Alterne furono le sue fortune nel I sec., fino alla massiccia immigrazione forzata che seguì la distruzione di Gerusalemme del 70. Alcuni studiosi sottolineano inoltre come l’asse sud-nord dei commerci si muterà, con gli stravolgimenti dei secoli IV-VI (in particolare con l’invasione vandala), in un asse est-ovest, che porterà alla bizantinizzazione della Calabria. Segno di questo nuovo asse commerciale è dato nell’archeologia dalla parziale sostituzione della sigillata africana con quella anatolica del tipo ‘Late Roman c’, ben presente negli strati archeologici di fine V secolo (ad esempio a Scolacium).

Inoltre lo storico Paul Arthur ha a lungo insistito sulla possibile produzione calabrese delle anfore di tipo Keay LII, ben note in Calabria, delle quali in vari scavi di Roma sono stati ritrovati molti esemplari segnati con la menorah e con il chismòn.
Intendo inoltre segnalare in questa sede alcuni interessanti segni di culti di altra natura testimoniati in Calabria. Presso la collezione Capialbi di Vibo Valentia sono conservate alcune gemme incise e iscritte relative ai culti di divinità gnostiche (tipo Abraxas), raccolte e pubblicate dallo stesso erudito vibonese. Altre tre gemme similari sono state pubblicate dal Marchese Taccone sempre nell’800, ma oggi se ne sono perse le tracce. Questi oggetti di squisita fattura artistica potrebbero provenire dal mercato antiquario e non dirci nulla riguardo al territorio. Ma potrebbero pure essere relative a scoperte fortuite avvenute nella zona ed essere quindi arrivate in mano ai due eruditi calabresi ottocenteschi che le pubblicarono.
Inoltre nella grande messe di notizie utili che possiamo desumere dalle Epistole di papa Gregorio Magno, intendo segnalarne due che sembrano andare in questa stessa direzione. Se in quella in cui si scomunica un presbitero accusato di idolatria possiamo riconoscere i segni delle persistenze pagane o di una sorta di sincretismo pagano-cristiano nella regione, in un’altra troviamo la notizia della presenza di manichei nella zona di Squillace.
Dunque senza dubbio nel IV secolo troviamo in questa zona della Calabria la presenza di cristiani e di ebrei. Certo la ben nota casualità dei rinvenimenti archeologici in territorio calabrese potrebbe essere complice di questa ricostruzione. Il silenzio attorno al periodo precedente non è necessariamente prova certa di una mancanza. Non possiamo insomma negare che già in precedenza essi fossero presenti in questo territorio. Possiamo solo dire che non abbiamo certezze storiche. Certo però, pur nello scarso numero di testimonianze, non paragonabili ad altre zone d’Italia, è rilevante il fatto che siano così numerose quelle concentrate nel secolo IV, periodo che senza dubbio fu protagonista di grandi eventi e sconvolgimenti che portarono all’epocale passaggio dall’antichità al medioevo. Se dunque non possiamo dire che sicuramente furono quelli di IV secolo i primi cristiani ed ebrei a mettere piede in questa zona, possiamo però affermare senza ombra di dubbio che fu questo secolo che vide il fiorire di queste presenze in contrasto con la sporadicità dei tre secoli precedenti.
Comunque per dovere di completezza storica dobbiamo citare le testimonianze seppure incerte delle epoche precedenti. Per quanto riguarda la presenza di Ebrei in Calabria, abbiamo la Cronaca di Achimaaz, un testo databile forse all'XI sec., che riporta la memoria di una diaspora nell’Italia meridionale connessa con l'arrivo di prigionieri deportati dopo la distruzione di Gerusalemme del 70 . Questo elemento è abbastanza generico e la fonte è troppo tarda per essere di grande utilità. Alcuni studiosi sembrano propendere per una certa veridicità della fonte. E' probabile che, in uno scalo commerciale importante lungo le rotte che conducevano dal medio-oriente e dall'Africa settentrionale a Roma come era Reggio esistessero già delle comunità o singoli che svolgessero la loro attività di mercanti o mediatori . Certo è comunque che dopo la riduzione di Gerusalemme a colonia romana e la dispersione dei figli di Israele nell'Impero le loro presenze aumentarono sensibilmente nelle varie città italiane . Ma nota giustamente Ariel Toaff come "there is no definite evidence of the presence of Jews there until the first half of the fourth century" .
Anche per quanto riguarda la prima evangelizzazione cristiana della zona abbiamo una data riferibile al I sec. d.C. Si tratta dell’ormai nota biografia del proto-vescovo e proto-martire reggino, Santo Stefano da Nicea, che sarebbe stato nominato da San Paolo in persona insieme con un ausiliario dal nome incerto (Suera) a capo di una modesta comunità. Il martirologio del vescovo e di alcuni correligionari è contenuto nel Sinassario Costantinopolitano ed è databile all’VIII-IX sec. Non è questa la sede adatta per riproporre una discussione che seppur spesso viziata da posizioni preconcette, non è giunta ancora oggi a dare un parola definitiva sulla fondatezza o meno della tradizione episcopale reggina.
Ora la sinagoga bovese sembra scomparire nel VI secolo. La distruzione del centro è stata da qualche studioso collegata con la guerra greco-gotica. La fedeltà degli Ebrei ai Goti, che portò alla totale distruzione della ricca comunità di Napoli ad opera delle truppe bizantine, potrebbe essere messa in relazione con l’abbandono improvviso della nostra sinagoga?
Comunque sia abbiamo uno iato notevole nella presenza ebraica nella nostra zona e in genere in tuta la Calabria. Le successive testimonianze di presenze ebraiche sono relative al X secolo. Quella più certa è relativa alla Calabria settentrionale, che fu certamente influenzata dalla ricca comunità ebraica pugliese. Infatti sappiamo bene come il colto medico ebreo Shabbatai ben Abraham Donnolo si trasferì in Calabria da Oria nel 940, dove venne in contatti non sempre amichevoli con San Nilo di Rossano (Bios). Piuttosto sporadica sono invece due testimonianze del cronista arabo Ibn al Athir e dello storico tedesco Thietmar, riguardanti un giudeo di nome Kalonimos, che combattè e morì per Ottone II nella battaglia di Stilo dell’anno 982. Ancora il Brebion di Reggio, databile all’XI secolo, ci informa della presenza di una Ebraikh, cioè probabilmente, secondo il Mosino, di una sinagoga, nel territorio, altrimenti ignoto, di Soumpesa .
Due secoli dopo le attestazioni della presenza di Ebrei in questa zona diventeranno finalmente numerose, come testimoniato da due documenti, entrambi del 1276 (Cedula subventionis in Justitiariatu Vallis Crati et Terre Jordane; Taxatio generalis subventionis in Justitiariatu Calabrie), relativi al gettito fiscale di 14 comunità ebraiche calabresi . Si noti che tra queste troviamo citata anche la Iodeca de Bova. La distanza cronologica tra la nostra sinagoga e le testimonianze è eccessiva per mettere in relazione i due fatti, ma non possiamo escludere totalmente una lunga sopravvivenza, con alterne fortune, di una comunità di Ebrei. D’altro canto si noti come la comunità bovese è affiancata da un grande numero di altre giudecche presenti nella zona: Reggio, Pentedattilo, San Lorenzo, Motta San Giovanni, Bianco ecc. Di queste comunità oggi non resta traccia se non vagamente nella toponomastica (e, secondo il Dito, nel dialetto). Tra i termini ancora oggi usati in Calabria abbiamo quelli di Judeca, Sinagoga, Schola e Meschite. Nella toponomastica troviamo alcune località come Judeu e Judiu, mentre la vie reggine Giudecca e Aschenez segnalano la zona occupata anticamente dal ghetto di quella città, lungo le mura a sud della porta Mesa.
Tali comunità così numerose, diedero origine ad una fioritura culturale senza precedenti, legata particolarmente all’industria e al commercio, primo fra tutti quello della seta, il cui allevamento e lavorazione furono importate proprio dagli Ebrei in queste terre. Si sarà sempre trattato di comunità ben distinte tra i Gentili, secondo la tradizione di gran parte della Diaspora ebraica, ma anche ben integrate nella vita economica dei vari centri, fino a divenirne, in alcuni casi, veri punti di forza.
La grande importanza culturale del centro ebraico reggino porterà all’edizione del primo libro ebraico a stampa. Si tratta del Commento alla Torah dell’erudito Rashi di Troyes, edito a Reggio Calabria nell’anno 1475 da Abraham ben Itzchaq ben Garton.

BIBLIOGRAFIA

AMIT 1995
D. Amit: «Architectural Plans of Synagogues in the Southern Judean Hills and the ‘Halakah’», in URMAN 1995, pp. 129-156

BOUYER 1973
L. Bouyer: «Liturgie juive et liturgie chrétienne», in Istina, 2, 1973, pp. 132-146

BRILLIANT 1990
R. Brilliant: «Arte e cultura ebraiche nell'Italia antica», in MANN 1990, pp. 69-85

CALABRE
Atti della tavola rotonda "La Calabre, de la fin de l'antiquité au Moyen Age", MEFRM, 103, 1991/2

CATANEA-ALATI 1969
V. Catanea-Alati: Le origini di Bova e del suo nome, Reggio Calabria, 1969

CIJ PROL
Corpus Inscriptionum Judaicarum. Prolegomena

COHEN 1987
S.J.D. Cohen: «Pagan and Christian Evidence on the Ancient Synagogues», in LEVINE 1987, pp. 159-181

CORNFELD 1977
G. Cornfeld: Archaeology of the Bible: Book by Book, London, 1977

COSTABILE 1987A
F. Costabile, M.L. Lazzarini: «La sezione epigrafica», in E. Lattanzi (a cura di): Il Museo Nazionale di Reggio Calabria, Roma-Reggio Calabria, 1987, pp. 152-161

COSTABILE 1987B
F. Costabile: «Due miliari da Decastadium (Brvttii) e la Damnatio Memoriae di Licinio e Liciniano», in Studi Tardoantichi, serie Hestiasis: studi di tarda antichità offerti a S. Calderone, vol. III, Messina, 1987, pp. 219-234

COSTABILE 1988
F. Costabile: «Testimonianze Paleocristiane e Giudaiche da Leucopetra», in Rivista Storica Calabrese, N.S., IX, 1-4, 1988, pp. 255-265

COSTAMAGNA 1991
L. Costamagna: «La sinagoga di Bova Marina nel quadro degli insediamenti tardoantichi della costa ionica meridionale della Calabria», in CALABRE, pp. 611-630

COTRONEO 1908
R. Cotroneo: «Gli Ebrei della Giudecca di Reggio Calabria», Rivista Storica Calabrese, 1908

CROGIEZ 1990
S. Crogiez: «Les stations du cursus publicus en Calabre: un état de la recherche», in MEFRA 102, 1990, 1, pp. 389-431


DITO 1916
O. Dito: La storia calabrese e la dimora degli Ebrei in Calabria dal sec. V alla seconda metà del sec. XVI, Rocca S. Casciano, 1916 (lo stesso è stato pubblicato a Bologna s.d.)

FERRUA 1950
A. Ferrua: «Titulus di una sinagoga (a Reggio Calabria, prima metà del sec. IV)», RivAC XXVI, 1950, p. 227

FIACCADORI 1994
G. Fiaccadori: «Calabria tardoantica», in AA.VV.: Storia della Calabria antica, vol. II: Età italica e romana, Roma-Reggio Calabria, 1994, pp. 707-762

FOERSTER 1987
G. Foerster : «The Art and Architecture of the Synagogue in Its Late Roman Setting in Palestine», in LEVINE 1987, pp. 139-146

GIVIGLIANO 1994
G.P. Givigliano: Percorsi e strade, in AA.VV.: Storia della Calabria antica, vol. II: Età italica e romana, Roma-Reggio Calabria, 1994, pp. 241-362

GOODENOUGH
Goodenough: Jewish Symbols in the Roman Period, 12 voll., New York, 1952-1968

GROH 1995
D.E. Groh: The Stratigraphic Chronology of the Galilean Synagogue from the Early Roman Period Through the Early Byzantine Period (ca. 420 c.e.), in URMAN 1995, pp. 51-69.

Gutmann
J. Gutmann Early Synagogue and Jewish Catacomb art and its relation to christian art

Gutmann 1973
J. Gutmann (ed.) The Dura Europos Synagogue - A re-evaluation (1932-72), Missoula, 1973.

Kahrstedt 1960
U. Kahrstedt Die Wirtschaftliche Lage Grossgriechenlands in der Kaiserzeit, in Historia, Einzelschriften, 4, 1960.

Kaufmann
D. Kaufmann Contributions à l’histoire des Juifs en Italie, in Rev.Ét.Juives, XX.

Kaufmann 1896
D. Kaufmann Die Cronik des Achimaaz von Oria (850-1054). Ein Beitrag zur Geschichte der Jiuden in Süditalien, in Monatschrift für Geschichte und Wissenschaft des Judenthums, Bresslau, 1896.

Kraabel 1987
A.Th. Kraabel Unity and Diversity among Diaspora Synagogues, in Levine 1987, pp. 49-60.

Kraabel 1995
A.Th. Kraabel The Diaspora synagogue: archaeological and epigraphik evidence since Sukenik, in Urman 1995, pp. 95-126

Kraeling 1956
C.H. Kraeling The Synagogue - The Excavations at Dura Europos: FInal Reports, vol. VIII, parte I, New Haven, 1956.

Lattanzi 1987
E. Lattanzi Attività della Soprintendenza Archeologica della Calabria (1987), in Klearchos 1987, pp. 109-110.

Levine 1987
L.I. Levine (ed.) The Synagogue in Late Antiquity, Philadelphia, 1987.

Luzzatto
A. Luzzatto Un’iscrizione ebraica trovata a Strongoli (Catanzaro), in Klearchos IV, 84.

Mann 1990
V.B. Mann I Tal Ya'. Isola della rugiada divina. Duemila anni di arte e vita ebraica in Italia, Milano, 1990, pp. 69-85.

Meiggs 1973
R. Meiggs Roman Ostia, Oxford, 19732, pp. 587 ss.

Miller
K. Miller Die Peutirgesche Tafel.

Miller 1916
K. Miller Itineraria romana.

Mosino 1991
F. Mosino Intervento nella discussione sulla sinagoga di Bova Marina (Reggio Calabria), in Calabre, pp. 667-668.

Narkiss 1987
B. Narkiss Pagan, Christian, and Jewish Elements in the Art of Ancient Synagogues, in Levine 1987, pp. 183-188.

Negev 1967
A. Negev The Chronology of the Seven-Branched Menorah, in Eretz Israel 8, 1967, pp. 193-210 (in ebraico, con riassunto in inglese alla p. 74*).

Ovadiah 1995
A. Ovadiah Art of the ancient synagogues in Israel, in Urman 1995, pp. 301-318.

Pavoncello
N. Pavoncello Il primo libro ebraico stampato in Reggio Calabria?, in Klearchos VI, 53.

Pinkerfeld 1954
J. Pinkerfeld Bathe Kenéseth be-Italia (in ebraico: Le sinagoghe d’Italia. Il loro sviluppo architettonico a partire dal Rinascimento), Gerusalemme, 1954.

Putortì 1913
N. Putortì Bova - Miliario con duplice iscrizione rinvenuto in contrada Amigdalà, in NSc 1913, pp. 318-319.

Rabello
A.M. Rabello Ostia, in Encycopedia Judaica, vol. XIII, 1971, pp. 1506-1509.

Rossi 1994
S. Rossi, A. Casile, A. Nucera Vallata della fiumara S.Pasquale, Bova Marina, 1994.
Rubinich 1991
M. Rubinich Osservazioni sul materiale ceramico di Bova Marina, in Calabre, pp. 631 ss.

Ruderman 1990
D.B. Ruderman Un punto d'incontro tra culture diverse: il retaggio storico dell'Ebraismo italiano, in Mann 1990, pp. 21-39.

Sacerdoti 1986
A. Sacerdoti Guida all’Italia Ebraica, Genova, 1986.

Safrai 1995
Z. Safrai The communal functions of the synagogue in the Land of Israel in the rabbinic period, in Urman 1995 pp. 181-204.

Saller
S. Saller A Catalogue of the Ancient Synagogues of the Holy Land, in Studii Biblici Franciscani Liber Annuus IV, 1953-54, pp. 219-246.

Squarciapino 1961
M. Floriani Squarciapino La Synagoga di Ostia, in Boll.d'Arte XLVI 1961, pp. 326-337.

Squarciapino 1961-62
M. Floriani Squarciapino La Sinagoga recentemente scoperta ad Ostia, in Rend.Pont.Acc.Arch. XXXIV, 1961-62, pp. 119-132.

Squarciapino 1963
M. Floriani Squarciapino The synagogue at Ostia, in Archeology 16, 1963, pp. 194-203.

Squarciapino 1964
M. Floriani Squarciapino La Sinagoga di Ostia, Roma, 1964.

St.Clair 1966
A. St.Clair God's House of Peace in Paradise – The Feast of Tabernacles on a Jewish Gold Glass, in Journal of Glass Studies, n. 8, 1966

Steinschneider
Steinschneider Hebraische Bibliographie.

Tamassia
N. Tamassia Stranieri ed ebrei nell’Italia meridionale dall’età romana alla sveva, Venezia, 1904, Atti R.Istit.Ven.Sc.Lett.Arti, 1903-04, LXII, II.

Toaff 1972 A. Toaff s.v. Calabria, in Enc.Judaica 5, Jerusalem 1972 col. 33.

Urman 1995
D. Urman, P.V.M. Flesher (edd.) Ancient Synagogues. Historical Analysis and Archaeological Discovery, in Studia Post-Biblica 47, 1, Leiden-New York-Ko..ln, I-II, 1995

Zevi 1972
F. Zevi La sinagoga di Ostia, in Rassegna mensile di Israel, 38, 1972, pp. 131-145.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

GRAZIE DI AVERMI POSTATO

AUGUSTO COSENTINO

Anonimo ha detto...

Salve,
ho letto nel post la seguente frase:"..."Due documenti epigrafici cristiani fortunatamente datati e di indubbio carattere cristiano provengono da Taurianum (del 348) e da Locri (del 391). Altri sono databili per caratteristiche epigrafiche a questo secolo (uno da Taurianum della metà del IV; forse databile ancora al IV l’iscrizione conservata in un apografo cartaceo con la frase si deus pro nobis quis contra nos? tratta dall’epistola paolina Rom. VIII, 31)."
Per favore, in quale testo è possibile trovare quell'iscrizione di Taurianum?
GRAZIE
TAURIANUM
sanfantino@libero.it

auuu ha detto...

salve! scusate la mia ignoranza,ma attualmente dove sono custodite la lucerna con il simbolo della menorah e l'iscrizione in greco proveniente da Reggio? grazie anticipatamente