09 ottobre, 2006

BAMBINO





Io sono un bambino che ogni mattina e' felice per rivedere il sole,il cielo,il mare. Un bambino che e' felice di sentire il canto degli uccelli o un gatto miagolare e tutti gli altri meravigliosi rumori della natura che ci circonda.
Un bambino che ogni giorno si emoziona di rivedere i propri genitori, sentire la voce della propria ragazza( e raggiunge l'infinito nei momenti in cui la rivede e la bacia ogni volta COME SE FOSSE LA PRIMA VOLTA).
Un bambino che e' felice di svolgere un ruolo con la sua professione,in particolare di fornire la massima attenzione a chi in genere questa attenzione non ha (purtropo nel mio settore molto spesso si da' attenzione solo ai lestofanti come dimostra la squallida cronaca di questi giorni).
Un bambino che e' felice di vedere volti, sentire voci e, spesso, vorrebbe trasmettere la sua serenita' e la sua pace interiore a coloro che vede perse nei falsi miti creati dall'indusrtia del consumo e dell'apparire.
Il percorso della mia vita e' stato un perenne viaggio con la depressione. Io tante volte ho maledetto questa mia compagna scomoda,ma oggi io la ringrazio perch'e mi ha permesso di fare il piu' meraviglioso dei viaggi, quello alla scoperta della propria anima e del proprio IO.
Oggi posso dire che io vivo con l'anima perche' per interi anni io sono andato alla sua ricerca.Non e' stato inutile visto il risultatto odierno.Tuttavia e' stato un percorso tortuoso e difficile, talvolta con una apparente sensazione di fine assoluta, la quale non puo' che avere due sbocchi o la piena coscienza di se' o il suicidio.
Per fortuna per me c'e' stato il primo sbocco e mi godo la vita in ogni suo momento e in ogni suo divenire.
La vita' e' bella e non mi va di sprecarla in liti,discussioni, oppure buttarla aderendo alle lusinghe dell-avere.
Io affronto il mio lavoro e la mia vita privata con il medesimo spirito, con entusiasmo e trasporto raggiungendo vette di soddisfazione quando risolvo i problemi alle persone che ho la fortuna di incontrare dedicando ad ognuna ogni mia cura e dedizione per curare i loro interessi, prima che i miei.
Io vorrei trasmettere questo. La vita' va vissuta con semplicit'a', umilta', spirito positivo, ottimismo, serenita, predisposizione a trovare nel prossimo un amico con cui condividere un tratto di strada, non un ostacolo da rimuovere o, peggio, eliminare.
Questo forum e' per me una ineguagliabile occasione di crescita, arricchimento e confronto visto lo spessore delle persone che lo frequentano.
Tutti i suoi partecipanti sono una parte di me. Quando esprimo una opinione e qualcuno non e' d'accordo con me io mi lego a lui piu' che ad altri, perche' mi offre l'occasione del famoso "mettersi in gioco"" che io faccio continuamente,perche' per anni interi io come persona non sono esistita per quella mia scomoda, ma utile compagna della quale ho detto in altra parte di questo post.
Dico queste cose perche' lo sento, come tutto quello che ho scritto qui. Qui ho lasciato traccia di me e ho trovato persone che mi hanno ascoltato, parlato.
Questo ha un valore immenso per la mia persona e vi ringrazio tutti indistintamente e allo stesso modo.
Chiudo dicendo una cosa: non so dove questo forum andra', come si evolvera' il tutto, se ci saranno o no regole, forme organizzative.
Ognuno ha in confronto a queste cose sensibilita' diverse a seconda dei suoi fini, del suo modo di sentire. Per quanto mi riguarda la mia unica ragione di essere qui e' partecipazione, testimonianza.Nella mia umile persona ho cercato di dare un contributo al fine nobile quale quello della lotta alle mafie. Continuero' su questa lunghezza d'onda in qualsiasi momento futuro,
Grazie a tutti di esistere e grazie ancora per la bonta' di leggere cio' che io scrivo.


La depressione comincio' a farmi compagnia negli anni dell'adolescenza, a fasi alterne me la sono portata appresso quindici anni.
All'inizio si presenta con una perdita di interesse allo svolgimento delle normali attivita' ben presto ti chiudi in casa!!!
Poi c'e' la costamte, inesorabile, tremenda perdita della tua coscienza di persona. Fai le cose obbligatorie (scuola,universita') come se interessassero una persona terza al tuo io, per il resto mancano i tuoi pensieri, mancano i tuoi piaceri,mancano le tue opinioni, mancano i tuoi amici, manchi te puramente e semplicemente.
La cosa tragica e' che apparentemente tutto va bene, per cui le altre persone ti trattano normalmente, quando tu non vivi una situazione normale, per cui lo scherzo, la battuta, la lite provocano in te effetti devastanti sul piano emotivo
.Avresti bisogno di dolcezza, attenzione, comprensione e, invece, non hai niente di tutto cio'.
Ebbi la fortuna di incontrare un professionista serio che mi insegno' in qualche anno un metodo che mi servi' per tutte le volte quella scomoda compagna mi avrebbe fatto visite.
ESCLUDENDO CATEGORICAMENTE PSICOFARMACI DI QUASIASI TIPO questo metodo consisteva puramente e semplicemente a pensare alle affermazioni che la mia mente partoriva per valutarne la bonta'.
Ad esempio vi erano periodiin cui avevo terrore di fare qualcosa in pubblico perche' avevo paura dello sguardo della gente. Allora mi dovevo soffermare a valutare la validita' delle mie paure, a valutarne la fondatezza.
Dirlo ora sembra una cosa facile, ma instaurando un sano senso critico uno smonta da solo le sue fisime, sviluppi una grande autoironia e capacita' di conoscerti.
Quando in alcuni momenti (tanti) pensavo al suicidio, il grande amore per la vita mi ha aiutato. A me piaceva vivere!!! Perche' rinunciare? e allora trovavi motivi per andare avanti e uscire da quello stato.
Mi ha aiutato tanto anche la lettura di alcuni libri che io considero delle pietre miliari della mia vita attuale.
Perche' ero andato in depressione la prima volta a 15 anni? Un amore immenso per una persona che non mi ha mai considerato, ne' mi ha mai concesso una opportunita'.
Un tempo la vidi ridotta a essere il passatempo di un essere che aveva una fidanzata ufficiale.Le dissi "Potevi essere una principessa" e lei "MAI NESSUNO MI HA CHIAMATO PRINCIPESSA!!"
Io credo al Fato...oggi io sono il PRINNCIPE della mia PRINCIPESSA,lei e' finita in sposa in un mero contratto di interesse....per cui uccidermi per costei non sarebbe stato un qualcosa di cui essere fieri.
Col tempo imparai a gestire la mia scomoda compagna e quando tornava a trovarmi ne approfittavo per conoscermi meglio ...
Oggi ne parlo tranquilamente sperando che questo possa servire a qualcuno che purtroppo deve fare i conti con essa.

Nessun commento: