31 ottobre, 2006

Dalla parte di Claudio Lippi




Non si puo' che sostenere l' iniziativa lanciata da Claudio Lippi. E' una stagione triste per la televisione. Oltre alle volgarità e brutture denunciate dal popolare presentatore, io denuncerei l' oscenità rappresentata dal fatto che su temi importanti si dia spazio a signori "nessuno" che rappresentano , nella migliore delle ipotesi, solo loro stessi e sfruttano per biechi e squallidi interessi di bottega (propria) tragedie e moti di popolo.

ROMA - Claudio Lippi ha lanciato un appello contro la televisione della volgarità, chiedendo al pubblico «di spegnere la tv per un minuto tra le 17.30 e le 17.35 di domenica 12 novembre e di sostenere l'iniziativa che troverà posto anche nel sito www.Claudiolippiunminuto.Com». Il conduttore tv, una delle colonne storiche di «Buona domenica», ha tenuto una conferenza stampa a Milano per chiarire i perché del suo addio all' "orrida Buona Domenica» dopo che l'azienda, in una nota, aveva stigmatizzato l'accaduto. Lippi se ne era andato perché «impossibilitato a manifestare il suo dissenso dalle risse e dalla volgarità che presenti nel programma».
BUONA DOMENICA E' DIVENTATO UN RING - «Buona Domenica - ha detto Claudio Lippi - è diventato un ring dove le finte risse sono premeditate e io non posso condividere una tv spazzatura fatta di parolacce e bestemmie. Credo che sia il momento giusto - dice Lippi - di farmi portavoce e paladino di un messaggio importante, per una televisione che non sopportavo più».
Cesare Lanza, autore e capo progetto di "Buona domenica", sta intando valutando l'ipotesi di querelare Claudio Lippi.

Nessun commento: