15 ottobre, 2006

UNA FONDAZIONE IN ONORE DELLA FALLACI




Un'idea di Enrico Mentana alla commemorazione ufficiale della giornalista
Fallaci, una fondazione per le sue opere
Anche in questa occasione ci sono state polemiche per la mancata nomina a senatrice a vita e la non assegnazione del Fiorino d'oro
FIRENZE - Una fondazione che raccolga tutti gli scritti e le opere di Oriana Fallaci. È l'idea lanciata da Enrico Mentana nel corso del ricordo ufficiale della giornalista, organizzato dal Comune di Firenze e dal Consiglio regionale della Toscana, nel salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio a Firenze a trenta giorni dalla sua scomparsa. L'idea è stata subito accolta da tutti i presenti e in particolare dalla sorella della scrittrice Paola e ai nipoti Edoardo e Antonio. «In ogni cassetto che apro trovo cose sue», ha detto Paola Fallaci.
RICORDO CHE DIVIDE - Oriana Fallaci ha comunque diviso i presenti anche durante la commemorazione. In alcuni interventi, nonostante gli inviti del sindaco Leonardo Domenici e del presidente dell'assemblea regionale toscana Riccardo Nencini a valutare l'intera sua opera, non sono mancati accenni polemici. Il più forte quello sulla mancata assegnazione del Fiorino d'oro e sulla mancata nomina a senatrice a vita. Molti, però, si sono voluto soffermare sulla figura della donna e della giornalista Oriana Fallaci, «quasi ossessionata dalla scrittura» ha ricordato il condirettore del Corriere della Sera, Paolo Ermini. L'amico Franco Zeffirelli si è invece soffermato sul ricordo della forza con cui «Oriana ha combattuto il male, fino all'ultimo, il suo non volersi mostrare negli ultimi tempi neppure agli amici più cari per lasciare un ricordo più bello».
15 ottobre 2006
Fonte www.corriere.it
Acora oggi la nota scrittrice non riescono a farla riposare in pace, eppure chi non ha mai letto qualcuno dei suoi libri?
Credo che il Signor Mentana abbia perfettamente ragione, nel proporre che tutti i libri della signora Fallaci vengano raccolti in una fondazione.

Nessun commento: