03 marzo, 2007

Un intellettuale a cui i "giovani di Locri" potrebbero utilmente fare delle domande: Lorenzo Del Boca

Ormai è evidente a tutti che il "movimento dei Giovani di Locri" è stato manipolato con successo dalla politica e ridotto all'inoffensività.
Ma perché è successo?

So di essere un rompicoglioni ripetendo che "studiando un po' di VERA storia d'Italia" invece di organizzare solo concerti e preparare solo striscioni ad effetto, si sarebbe forse potuto prendere qualche accorgimento in più ed evitare questa bruciante sconfitta.


Un po' di tempo fa, il progetto di invitare Lorenzo Del Boca a dialogare di mafia e questione meridionale fu malamente annegato. (E il responsabile di quell'insuccesso organizzativo si terrà anche questo sulla coscienza...)

Ma con Jack Walsh ed altri amici non ci siamo dati per vinti, e stiamo provando ad organizzare un evento-dibattito con ospiti prestigiosi.
Perché riteniamo che sarebbe assai utile ed interessante chiedere al Presidente dell'Ordine Nazionale dei Giornalisti, oltre che celebre e "scomodo" storico, come sia possibile che uno Stato che si ritiene "civile" come il nostro, possa fondarsi su fondamenta tanto marce come quelle del Risorgimento, e far finta di niente, salvo poi non riuscire a risolvere i suoi ormai atavici problemi (nati e/o consolidati appunto con la fondazione del Paese), che ormai sono talmente incancreniti da richiedere solo metodi drastici e straordinari.

Qui sotto un'intervista a Del Boca di un paio di anni fa.





1 commento:

Jack_Walsh ha detto...

Riguardo al progetto del convegno, dopo le vane parole di un polico calabrese giovane d'età , ma vecchio nei modi di gestione del potere,( pur appartenendo ad un partito che "gestisce" la massa di pecoroni che sono i suoi elettori contro i modi che i suoi rappresentanti , una volta entrati nella stanza dei bottoni fanno propri diventando professionisti del ramo) che che in un primo momento aveva garantito appoggio all' iniziativa, ci ha fatto prendere accordi per poi dileguarsi vogliamo riportare l' inziativa nell' alveo naturale secondo le originarie intenzioni di Lorenzo del Boca.