10 novembre, 2007

FENOMENO BULLISMO:CONOSCERLO PER PREVENIRLO



E’ il nome di un importante progetto che ha impegnato nell’ultimo anno i volontari che hanno prestato il servizio civile presso il comune di Regio Calabria, i cui risultati saranno presentati in un convegno che si terrà Venerdi 9 Novembre presso la sala Versace del CEDIR.
Il consigliere comunale Tonino Serranò (nella foto) , eletto nella lista “Io non ci Sto”, titolare della delega ai Servizi Civili parla in toni entusiastici del progetto “ Ho assunto da poco la delega ai servizi civile, e ringrazio il sindaco Scopelliti per questa importante responsabilità che ha voluto affidarmi. Sono arrivato in una fase avanzata della sua realizzazione, ma mi hanno colpito subito l’ impegno e i risultati di indubbio valore raggiunti in questa esperienza
Un comunicato stampa spiega come si è sviluppata questa esperienza “I ragazzi (Bartolomeo Caterina, Bruzzese Annamaria, Martino Giovanna , Rotella Antonio, Magrì Giuseppe, Calafiore Nadia, Pizzone Alessia, Tripodi Michela) dotati di competenze specifiche, dopo un adeguato periodo di formazione, hanno contattato i dirigenti delle scuole della V e VI circoscrizione del Comune di Reggio Calabria, ottenendo l'adesione delle medie “Gebbione” e Bevacqua e le superiori “Fermi” e “Frangipane”
“Dopo una riunione, tenutasi all'Ufficio Politiche Sociali, in presenza dei responsabili delle scuole, e del Responsabile del Servizio Civile Nazionale di Reggio Calabria,il Dott. Elio longo, si è operato all'interno degli Istituti, distribuendo questionari anonimi, costruiti dagli stessi promotori del progetto, alunni e docenti”.
“Sin dall’inizio è emerso”- continua il comunicato “- un particolare interesse per questo fenomeno sempre più diffuso, anche perchè il progetto in questione, risulta perfettamente in linea con le nuove direttive programmatiche del Ministro dell'Istruzione Fioroni. Successivamente alla raccolta dei dati si è proceduto alla loro elaborazione ai fini di una analisi statistica e rappresentazione grafica degli stessi
“I volontari, durante l'anno di Sevizio civile”- spiega il consigliere Serranò”-, hanno raggiunto gli obiettivi prefissati monitorando il fenomeno e comprendendone l’ estensione e caratteristiche in alcune scuole della città. Sarebbe auspicabile, e su questo non farò mancare il mio impegno concreto, una continuazione dell’ esperienza per poter sensibilizzare la collettività su questa tematica, stimolare la partecipazione degli adulti, fornire sostegno e protezione alle vittime”.

Nessun commento: